Quali sono gli utenti su Instagram? La top 5. #wearesocial 🌐

La nostra adorata Instagram, c’ha reso tutti dei workhaolik della passione fotografica. In pochi oggi potrebbero immaginare una vita senza il nostro diario non-segreto. Su Instagram siamo liberi di essere noi stessi, oppure chi vorremmo essere, tanto chi se n’accorge. Instagram è la felicità, con un colpo di polpastrello ecco il filtro ideale, in un attimo via zampe di gallina, brufoli, inestetismi vari, gotta e faringite. Aumenti l’illuminazione et voilà, in un nano secondo va via il naso da befana che da sempre accompagna la tua peggior nemica, ma tu sai che cel’ha e ci godi. Instagram rinvigorisce il nostro io. Instagram è la Merlino 2.0, la nostra amica più fidata. Ci ospita tutti senza discriminazioni. Popolata da tutte le specie umane, alcune, come quelle che seguono, si sono consolidate più facilmente.

Nel bacino di 26 milioni d’utenti d’IG, tra le altre, errano proliferanti 5 evidenti tipologie d’utenti:

  • I cacciatori e procacciatori di followers. Quelli che hanno escogitato fini strategie per accalappiarsi  una manciata di followers in più. Dallo spam illecito ed insistente, alla tecnica del tiseguo-tumisegui-smettodiseguirti, fino alle applicazioni che regalano o vendono i followers-fantasma, quelli inattivi, ma che fanno il tanto bramato numero. Sono stati proprio gli utenti fantasma a rendere grande l’ego di molti users, che avevano raggiunto la vetta, i salotti nobiliari, acquisito onore ed onorabilità. Ma si sa che per chi più in alto si trova, più c’è il rischio di farsi male dopo la caduta. É quello che è successo loro, rei della loro frode, dopo l’intervento degli admin di Instagram, che hanno disattivato gli utenti-fake, son tornati nell’abisso plebeo del meno mille followers. Ma never back down, la nostra prediletta Instagram non è cattiva. Finiranno i tempi bui e ritroveranno lustro e successo. La tragedia non ha toccato solo gli users plebei, ma anche i pezzi grossi. Pare che le purghe Social abbiamo colpito anche una delle beniamine d’Instagram, Kim Kardashian, che ha perso circa un milione/trecentomila followers dopo la furente retata. Sorte peggiore, anche per l’osannato Justin Bieber, che di seguaci ne ha persi 3milioni/500mila. Ma colpito e affondato nella sua intimità sociale, maschera di chissà quale disagio esistenziale, Akon con il suo numero di followers diminuito del 56 %. É proprio il caso di dire che anche sulle coste di L.A., in tour per il mondo, o nei circoli di Orange Country, non sono tutti followers veri quelli che luccicano.
  • Gli influencer. Quelli che contano, che influenzano e dirigono l’opinione pubblica, che fanno tendenza. Sono quelli che , con al seguito i propri (minimo) 15k, entrano a far parte dell’Olimpo Instagram-iano, dove si svolge lo showbiz degli utenti ricercati e pagati dai brand per pubblicizzare i loro prodotti. Ma con i 15 k siamo ancora ai piani inferiori dell’Olimpo. I veri influencer partono dai 150k. Uno di loro è Iconize, Marco Ferrero, 170.3 k, un ragazzo figo milanese, che con instagram è diventato strafigo. Tutto quello che fotografa è pubblicità, della risma di quella occulta, tutto quello che fa è sulla strada per diventare oro. Re Mida dei social media e VideoMaker delle IgStars, del calibro di Mariano Di Vaio, Aurora Ramazzotti, la sua best Chiara Nasti. Esponente della crême della Milano by night, tavolo portante del PunksWearPrada. Il tavolo che non paga perchè lui è un Very Important People, insieme ai modelli, o fatti credere tali, portanti lì dai modellari, perchè fanno immagine per il locale.  L’eclettico Iconize, che passa dall’albino al castano scuro in un battito di ciglia, è uno di quelli che su Ig e con i video (ne da prova il suo  #SocialGeneration ) ci sanno fare, e per ora lo lasciamo influenzare.
  • I Vips-Nativi Digitali. Capo di questa tribù è il nostro beniamino Campano-Americano, il nostro amato Frank Matano, 384k,  che dalle origini della “pampuja è fiuta all’ebba”, tormentone di uno dei suoi video-scherzi telefonici su Youtube, passando dai mini-clip pubblicati su Fb, è sbarcato su Instagram con delle rivelatrici foto no-sense, degne del più avanguardistico concetto metafisico del buon De Chirico. Nativa Digitale è anche l’acquisita bona nostrana, la bella, intelligente e, sopratutto, iper-social Belen Rodriguez, 2.2m. Lei sa ballare, cantare, recitare.. o forse no, forse ce lo siamo dimenticati, ma che importa!! Lei è nostra amica, si confida con noi e noi le vogliamo bene. Noi eravamo davanti allo schermo del nostro i-phone quando Santiago ha imparato a camminare. Dopo lo scatto after-sex con il bono De Martino, noi eravamo lì, anche noi abbiamo fumato una sigaretta. Noi l’abbiamo confortata nel periodo della crisi/selfies tristi con il marito. Dopo i suoi scatti Capresi anche noi ci sentiamo abbronzati e un pò alticci e napoletani dopo una seratina all’Anema e Core (nonostante i 30 gradi milanesi, zero vento e l’unico sole preso tra le zanzare a parco Ravizza). Noi eravamo pronti alla guerra contro Dandolo di Dagospia e i suoi scagnozzi, che c’hanno fatto ribollire il sangue argentino nelle vene a causa di quelle stupide calunnianti insinuazioni (tranquilla Belèn..siamo quì..tranquilla). Noi non lo sappiamo più perché è una star, ma le perdoniamo tutto, anche la sua strabordante bellezza, perchè lei ci coinvolge e lei ci vuole bene, e noi non la feriremo mai.
  • I Vips-Reimpastati. Questi sono i Vips dell’era televisiva. Quelli che sono stati salvati dal tramonto degli anni e dal tracollo del successo. Quelli che hanno scoperto Instagram, e un pó come succede all’anzianotto che scopre il viagra, sono tornati agli albori d’un tempo. Parlo della nostra Mara, 425k! Scoperto Instagram, la Venier è diventata l’ultima naufraga delle Honduras, sempre presente con il report del backstage dell’Isola dei Famosi con tanto di vestaglie e bigodini. Immancabili i selfies con il caro Alfonso Signorini e i suoi plastici e vispi sorrisi della serie “ancora, questa con sti serfie..”. Sempre-verdi anche i selfie con le vaste e infinite praterie..ah no scusate.. gambe della Marcuzzi, cinte dal pizzo nero e glitterato made in Donatella, quella che veste le amanti, mentre il Giorgio le mogli. Una reimpstata d’Instagram, ma reimpastata forse anche nella vita, è l’autrice del (ma come l’è venuto) #CarmelitaSmack. Barbara D’urso, 289k, l’ubiqua ed onnipresente. L’amica pomeridiana delle casalinghe che dopo il Segreto cominciano  a stirare le pile di vestiti, che solo  a pensarci mi sale l’angoscia. Colei a cui le famiglie italiane dedicano il posto aggiunto a tavola, perchè la domenica c’è un amico in più. La mattatricie di sofferenze altrui, procacciatrice di tragedie familiari  e scandali d’ogni sorfa, che poi si commuove alla proposta di matrimonio d’ex elementi di Uomini e donne. I simil-famosi riresi ormai ignoti. Oppure fa la sua smorfia di paresi bilaterale davanti alle atroci sofferenze d’un Valerio Scanu che all’Isola, porta in spalla un casco di banane. Beh sì, evidentemente è una che si reimpasta sempre. Barbarella dev’essere riconoscente ad Instagram, come alle luci spara-flashate sulle sue rughe in studio, terrore delle ghiandole sudoripare dei suoi ospiti nonostante i 25 gradi sotto lo zero. Dev’essergli riconoscente perchè i selfie/carmelita smack l’hanno avvicinata ai giovani. Ora fa parte della cerchia delle MILF e non più in quella dei T-Rex estinti.
  • I Fashion-Blogger. Eccoli. I capostipiti di Instagram, i primi inquilini del nostro amato social fotografico. I fashion blogger, dai loro blog personali, hanno obbligato dei facchini a caricarsi dei loro armadi, sono approdati su Instagram, e, asfaltate le tribù autoctone, l’hanno conquistata. Il re dei re è il leggendario Mariano Di Vaio, 3.6m. Chissà se una qualche forma di vita abbia mai avuto il piacere di vedere i suoi addominali non attraverso il quadrato 3×4 Instagram-iano, ma dal vivo. Il riaciano Mariano, tra i primi ha condiviso i suoi Outfits su Ig. Outfits sempre strafighi, regali delle case di moda più cool, per la cui pubblicità ha ottenuto dei ricavi tali che è sempre in giro per il mondo e per di più senza Outfit. Non indossa una maglietta su Ig da almeno un paio di lustri, e sia chiaro a noi donzelle la cosa non dispiace affatto. Instagram gli ha regalato fama e gli ha tolto l’identità. Quando si trova sui red carpet holliwoodiani non sa manco lui chi è, perchè si trova lì, e cosa vuole quel microfono. Eleggo, invece, come reginetta delle fashion-blogger la partenopea Chiara Nasti, 842k. Diciamoci la verità la corona andrebbe alla Ferragni, autrice della TheBlondeSalad che un pò a tutti ha fatto scuola, ma ce ne freghiamo, e puntiamo sul nostrano astro nascente dei selfies più alla moda. Tra l’altro Chiaretta è stata già protagonista d’un episodio strano quanto mistico, avvenuto proprio su Ig, e quindi degno di menzione. Tra un selfie della buonanotte e uno del buongiorno, è avvenuto l’impossibile, un inspiegabile rigonfiamento delle tette nastiane. La nostra Chiara s’è vista lievitare le tette, nell’inconsapevolezza più totale, da una seconda ad una quarta. Lei esterrefatta e smarrita si è dovuta anche difendere dalle lucubre insinuazioni dei followers insorti, che inneggiavano allo zampino del chirurgo. Ad oggi il mistero della tetta rigonfia è ancora insoluto.

#wearesocial

#tattatinski

Annunci

Un pensiero su “Quali sono gli utenti su Instagram? La top 5. #wearesocial 🌐

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...