Il quartier Cinquantenni in casa Facebook. #WeAreSocial 🌐❤️

Ricordate quando per i nostri genitori era un mistero irrisolvibile il nostro accarezzare con l’indice quel birrazzo telefono senza tasti? Quando scettici criticavano le nostre foto 2.0, usa e getta e di pessima qualità? E quando ci guardavano preoccupati vedendoci ammiccare al telefono manco fosse Rayn Gosling e invece era un selfie? Ricordate questi tempi lontani?

Bene, ricordateli, perchè son finiti.

Oggi i nostri genitori e zii, i nostri padrini e madrine, gli amici di famiglia tutti si sono riuniti. Rotto il ghiaccio con Facebook, ne hanno coalizzato una buana fetta. Un quartiere virtuale dalle aiule sempre potate, tenuto bene, abitato da loro: coetanei nostalgici di Kabir Bedi in Sandokan, Starsky e Hutch; le donne che hanno visto sorgere ad ora di pranzo degli anni ’80 l’alba di Beutiful, la tenera storia d’amore tra Brooke e tutti gli uomini di famiglia Forester ; uomini che “che ne sanno i giovani d’oggi dei culi del Bagaglino“, altro che Ciao Darwin. Il Quartier Cinquantenni di Facebook.

Hanno domicilio nel proprio quartiere, ma vagano sicuri e a loro agio in tutto il Social Network, anzi fanno da padroni, tant’è che i più giovani, nativi digitali, ormai tendono a rifugiarsi su Snapchat, lontani dai loro “Bungiorno!!!!1!!11!!” sul proprio diario.

Da quando su Facebook ci sono loro le giornate sono scandite dall’immagine di Minnie o Paperino che alle 6.00 del mattino augurano il Buongiorno e il Buon caffè a tutti, al pomeriggio s’annuncia la pennichella e il caffè di mezza giornata, la sera si augura la “Dolce notte a tutti gli amici di FB!!1!!1!!!”.

Sono quelli che a Natale, Pasqua e cerimonie varie fanno il family reportage pubblicati live con tanto di commento al margine che i fotografi ormai devono cambiare mestiere.

Sono i migliori sostenitori di figli, nipoti, figli d’amici di famiglia che se avessero un ROI sui social per la loro immagine, la redditività salirebbe alle stelle. Sono i migliori PR per eventi, lauree e traguardi vari da celebrare. Loro gli organizzatori d’eventi li mangiano a colazione.

Sono quelli che hanno imparato cosa sono i selfie, ma ne fanno uno azzeccato solo quando qualche turista chiede loro di scattargli una foto e poi si ritrovano un selfie del mento del gentile fotografo improvvisato in questione. Eccezione del Quartier Cinquantenni è Barbara d’Urso, che i selfie purtroppo li ha imparati a fare, la bocca a culo di gallina pure. Speriamo non finisca per trascinarsi la mia amata zia Mara Venier.

Nel quartier Cinquantenni si sviluppano le migliori discussioni morali del web, si sollevano le maggiori questioni sociali, si combattono le crociate contro la falsità altrui con il manifesto della propria rettitudine morale e l’elogio alla sincerità, tipo quello alla follia del buon Erasmo.

La mia è un analisi ironica dei simpatici abitanti del Quartier Cinquantenni di FB, ma ragà dobbiamo ringraziarli.. da quando ci sono loro girano meno selfie ignudi, sono diminuite le scorribande di quartiere, tipo quelle tra Roma Nord e Roma Sud.. su Fb ovviamente, sono diminuiti i post degli intellettuali di 25 anni che non sanno manco il prezzo delle tette nuove o il Rolexino che il papi ha regalato loro.

Dobbiamo ringraziare il Quartier Cinquantenni perchè casa Facebook si prende meno sul serio; perchè stanno salvando quel che resta della spontaneità in web; perchè personalmente i loro post mi ricordano la lasagna e i cannelloni della domenica durante i brunch domenicali in quel di Milàn; perchè son belli, simpatici e son veri; perchè loro hanno creato un quartiere FB per accorciare le distanze fisiche e mentali; perchè nel Quartier Cinquantenni sono ‘cciovini, come e a volte più di noi.

#wearesocial!!!1!!11!11!!!

#tattatinski

 

Annunci

7 pensieri su “Il quartier Cinquantenni in casa Facebook. #WeAreSocial 🌐❤️

  1. Articolo ben scritto e soprattutto molto ironico e un po’ pungente come piacciono a me. Il caso dei cinquantenni è davvero emblematico in quanto la maggior parte di loro sono dei veri e propri analfabeti digitali ma hanno creato un sistema di condivisioni ed interazioni che fa rabbrividire chiunque si occupi di marketing. Geni incompresi.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...